I miei lettori

giovedì 31 dicembre 2009

Buon 2010!!!

A tutti voi ed alle vostre famiglie e persone più care, auguro un buon anno che sia ricco di soddisfazioni, carico di gioia e letizia, ma soprattutto auguro che siano realizzati i vostri desideri e concretizzate le vostre aspettative. Non vi manchino la felicità in famiglia, la serenità al lavoro e la salute nel corpo e nello spirito e se dovesse arrivare qualche soldino più, penso che non dispiacerebbe a nessuno. Vi abbraccio tutti virtualmente, ciao!

Share

sabato 28 novembre 2009

Chicago - Hard To Say I'm Sorry - 1982

Questa è la canzone del primo ballo del mio matrimonio!

Share

sabato 21 novembre 2009

Edouard Manet


Share

mercoledì 18 novembre 2009

Marco Ferradini - Teorema

A tutte le mie amiche internaute!

Share

domenica 4 ottobre 2009

Giocavo meglio io

Le cose vecchie sono migliori di quelle nuove. Tanto per fare un esempio mio figlio è nato con la generazione dei video games e con tutto ciò che ruota intorno ad essi, come le consolles, computers, internet, tuttavia quello che noto in lui ed in tutti i suoi coetanei è l'insoddisfazione perenne che va a braccetto con loro. Quando gli parlo delle attività ludiche dei miei tempi, entrando nei minuziosi dettagli di ogni gioco, e quindi dei divertimenti vissuti tra le strade urbane del mio paese, lui rimane a bocca aperta. Certo che i giochi della mia età ti coinvolgevano emotivamente e ti facevano crescere, ora, invece, i nostri figli crescono in casa con tutte le tecnologie e magari da grandi non sapranno pagare una semplice bolletta all'ufficio postale.
Share

domenica 27 settembre 2009

Meditazione sulla morte.

Certo che quando si sente parlare della morte tutti noi cerchiamo di non pensarci mai per un timore che nello stesso tempo può essere giustificato e non, rimanendo nella convinzione di non ammettere che, sia pur tragico, è un evento che fa parte della vita stessa. In tal senso mi ha colpito una meditazione letta su "Filotea", un opera di San Francesco di Sales, meglio conosciuto come il patrono dei giornalisti, che voglio farvi leggere, poichè molto profonda e con alto contenuto sotto il profilo spirituale:

"Pensa a quanto sia incerto il giorno della tua morte. Anima mia, un giorno tu uscirai da questo corpo. Quando? In inverno o in estate? In città o in campagna? Di giorno o di notte? All'improvviso o con preavviso? Sarà per malattia o per incidente? Avrai il tempo di confessarti, oppure no? Avrai vicino il tuo confessore e il tuo padre spirituale? Di tutto ciò non ne sai proprio nulla. L'unica cosa certa è che moriremo tutti, e prima di quando pensiamo. 
Pensa che in quel momento, per quello che riguarda te, il mondo finirà; per te sarà proprio finita! Ai tuoi occhi tutto si capovolgerà. Sì, perché i piaceri, le vanità, le gioie del mondo, gli affetti inutili ti sembreranno fantasmi e nebbia. Ti accorgerai allora che sei stata sciocca ad offendere Dio per quelle insulsaggini e quelle chimere! Vedrai che quando abbiamo lasciato Dio, lo abbiamo fatto per un nulla. Per contro, tanto dolci e desiderabili ti sembreranno la devozione e le opere buone: ma perché non ho percorso quella via bella e piacevole? In quel momento i tuoi peccati, che ti sembravano peccatucci, li vedrai ingigantiti come montagne e la tua devozione ti sembrerà piccola piccola. 
Pensa agli addii senza fine e pieni di languore che la tua anima darà alle cose di questo basso mondo: addio alle ricchezze, alle vanità, alle compagnie melense, ai piaceri, ai passatempi, agli amici e ai vicini, ai genitori, ai figli, al marito, alla moglie; per farla breve, a tutti; e, per chiudere, al tuo corpo che dovrai abbandonare esangue, smunto, emaciato, schifoso, e male odorante. 
Pensa alla fretta che avranno di prendere il tuo corpo e nasconderlo sotto terra; ciò fatto, la gente non penserà più, o quasi, a te; non se ne ricorderanno più, come del resto tu hai fatto per gli altri: Dio lo abbia in pace, si dirà, e amen! Tu, morte, fai seriamente pensare, sei impietosa! 
Pensa che una volta uscita dal corpo, l'anima prende il suo posto: o a destra, o a sinistra. Tu, dove andrai? Che strada prenderai? Non dimenticare che sarà la stessa nella quale ti sei incamminata in questo mondo. 
Affetti e risoluzioni
Prega Dio e gettati tra le sue braccia. Signore, in quel giorno terribile, accoglimi sotto la tua protezione, rendimi quel momento felice e favorevole, a costo di rendere tutti gli altri della mia vita tristi e segnati dalla sofferenza. 
Disprezza il mondo. Giacché, o mondo, non mi è dato di conoscere l'ora in cui dovrò lasciarti, ho deciso di non legarmi a te. Amici miei, cari colleghi, permettetemi di volervi bene soltanto con un'amicizia santa che possa durare eternamente; infatti perché dovrei contrarre con voi un legame che poi dovrà essere troncato? 
Voglio prepararmi a quell'ora e prendere le opportune precauzioni per compiere felicemente quel passo; con tutte le mie facoltà voglio mettere ordine nella mia coscienza, e porre fine a certe manchevolezze."

Riflessione. "E' solo quando cominci a temere davvero la morte, che impari ad apprezzare la vita". Anonimo

Share

domenica 20 settembre 2009

L'eredità? Che se la prendino loro!

Non più di vent'anni fa viveva una anziana pro-zia, graziosa, e piccina piccina di statura, parente di mio padre, la quale, rimasta nubile, aveva passato la maggior parte della vita a fare la badante ad una nota famiglia nobile delle mie parti. Lei era molto legata a me ed ai miei fratelli, poichè eravamo gli unici nipoti che le davano gioia ed affetto, quando nostro padre ci portava a farle visita era così felice che ci riempiva le borse di ogni ben di dio, giochi, dolci, caramelle di ogni tipo e anche soldi. Aveva però un solo difetto e cioè quello di non volersi mai spostare e rimanere sola a casa sua, che proprio sua non era, visto che la famiglia a cui lei si era dedicata per una vita intera le aveva concesso in comodato d'uso, vita natural durante, una casetta in pieno centro storico. Un giorno mio padre morì prematuramente e venne a mancare l'anello di congiunzione che ci legava, naturalmente noi abbiamo sempre continuato a rispettarla come se fosse nostra nonna, poi arrivò il fatidico giorno in cui si sono presentati degli pseudo parenti (serpenti!!!) venuti da lontano, i quali dalla sera alla mattina ci hanno evitato di vedere la zia e di avere ogni minimo contatto con lei, anzi pian piano l'abbiam persa proprio, tanto che si è trasferita nel loro paese, dove ha vissuto fino alla sua morte. Io e la mia famiglia abbiamo sempre rispettato la sua decisione, anche se, tra l'altro, era il frutto di un vero e proprio lavaggio di cervello fatto ad una povera anziana, non abbiamo accettato, invece, il comportamento di quei tali assurdi che hanno macchinato tutto questo per il benedetto lascito. Quando è morta la zia non siamo stati avvisati neanche, se non da una nostra conoscente che era venuta a sapere della sua morte per puro caso: quando ci siamo presentati al funerale nella chiesa della città dove era deceduta, questi lontani parenti ebbero la sincope al cuore al vederci, noi non facemmo nulla altro che pregare per la sua anima e di presiedere alla funzione religiosa con gli altri presenti. Tuttavia io e miei fratelli sapevamo di certo, poichè ce lo aveva sempre esternato, che la cara zietta ci avrebbe lasciato una eredità in denaro che, poi, naturalmente non si sa che fine abbia fatto, come non si sa dove sia andato a finire il testamento. Mi direte voi cosa abbiam fatto: niente proprio un bel niente, poichè siamo una famiglia pacifica a cui non piace fare alcun tipo di guerra, abbiamo anche pensato che lei abbia persino cambiato idea nei nostri confronti, in quanto forse era stata solo legata a nostro padre o magari era stata felice del riavvicinamento di questi altri parenti; nel nostro cuore, comunque, è rimasto ancora vivo il suo ricordo, poiche ci ha sempre voluto bene e ci è stata strappata per opera dell'avidità di alcuni ai quali abbiamo semplicemente augurato di spendere i nostri soldi in supposte!
Riflessione: "Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi". Albert Einstein
P.S.: Ogni riferimento a fatti e/o persone è puramente causale.
Share

martedì 8 settembre 2009

Addio Mike!


Ho appena appreso dell'improvvisa dipartita di un grande italiano che ha fatto la storia della nostra televisione, l'indimenticabile Mike Bongiorno. Lo ricorderemo tutti con affetto per la sua simpatia, goliardia ed indiscussa professionalità, addio simpaticone mancherai a tutti gli italiani!


Share

domenica 30 agosto 2009

Atreju 2009

OLTRE OGNI MURO!!!

Share

martedì 25 agosto 2009

Vicini di loculo

Un americano ha comprato all'asta su ebay al costo di 3,2 milioni di euro un loculo  a Westwood Village Memorial Park di Los Angeles, il c.d. cimitero dei divi, per riposare per l'eternità sopra Marilyn Monroe. La tomba  è uguale a tante altre e non ha nulla di speciale, se non per il fatto di essere collocata sopra il loculo della sex symbol americana. La stupidità nelle esegerazioni dell'uomo continua a produrre ancora i suoi effetti!  
Share

sabato 22 agosto 2009

I viaggi del'assurdo.

Un titolo insolito per un post, ma definisco così i viaggi di chi, al posto di andarsi a rilassare in un tranquillo posto in capo al mondo, preferisce gironzolare nei luoghi dove di recente si sono verificati cataclismi, stragi e tragedie. Mete ambite? New York, Indonesia, etc. Roba da matti, la gente sta fuori di testa, vedendo il TG nazionale mi sono veramente schifato a sentire che esiste un c.d. turismo della disgrazia che, tra l'altro è in costante crescita, un esempio lo abbiamo anche qui da noi, molti turisti stranieri e non, prima di arrivare nella loro sede di vacanze, si sono affacciati in Abruzzo a curiosare qua e la (per rendersi conto, dicono loro, non so di cosa!), ma insomma fatemi il piacere, andate a divertirvi altrove e lasciate stare in santa pace la gente che è già tanto provata dai propri guai, piuttosto rendetevi utili collaborando con la protezione civile, che da mesi si adopera senza sosta, per alleviare le sofferenze altrui.
Share

lunedì 27 luglio 2009

Buone vacanze!


Questo blog chiude per ferie e riaprirà dopo l'estate, nell'occasione, auguro a tutti gli internauti di passaggio qui, di passare le vacanze estive in serenità e santa pace, ciao ed a presto. Vostro Peppe!

Share

domenica 12 luglio 2009

Un giorno che non si scorda mai!

Gli esami di maturità anche quest'anno stanno volgendo al loro termine e gli studenti appena diplomati si potranno godere in santa pace le loro meritate vacanze, forse le migliori di tutta la vita. Pensare che ai miei tempi anche io non vedevo l'ora di arrivare alla fine degli esami di maturità, ma col senno di poi, mi sono reso conto che effettivamente tale traguardo, oltre ad essere un momento importante della mia vita, è stato anche il più triste, perchè con quella tappa si sono divise le strade di tutti gli amici; ognuno, infatti, ha percorso una propria via ed alcuni di loro sono andati anche a vivere lontano e, tra l'altro, da quel momento sono veramente iniziati i problemi della vita, almeno per me, ovvero il trovare uno sbocco nel mondo del lavoro e la scelta di un percorso universitario. Se penso ai quei momenti, i più belli trascorsi, al pensiero, mi viene un forte magone. Ma la cosa più incredibile, sotto il profilo personale, è quello di avere spesso un sogno ricorrente e cioè quello di trovarmi a svolgere nuovamente gli esami di maturità senza essere preparato, mamma mia che incubo!
Share

sabato 4 luglio 2009

venerdì 26 giugno 2009

Michael Jackson Tribute

Addio mio caro Michael non ti dimenticherò mai e rimmarrai sempre nel mio cuore!

Share

giovedì 18 giugno 2009

La più bella creatura: la donna.

Un uomo senza una donna è un pesce fuori dall'acqua!

Share

mercoledì 3 giugno 2009

Snap! - The Power

Share

sabato 23 maggio 2009

Gustavo Adolfo Rol

Cosa ne pensate di questi personaggi singolari e straordinari che hanno sbalordito anche i famosi della nostra storia?
Share

domenica 17 maggio 2009

sabato 9 maggio 2009

Forza Bari



Il Bari in A!!!

Share

giovedì 7 maggio 2009

E guai a chi mi li tocca!


Oggi sono venuto a conoscenza, tramite mia moglie, di un episodio verificatosi ieri negli uffici postali del mio paese. Ebbene mia madre era lì per la riscossione della sua pensione ed il pagamento di vari bollettini in compagnia dei miei due figli, e, arrivato il suo turno allo sportello, mentre si accingeva a pagare ha sentito una signora alquanto schizzata, per non dire de celebrata, che con tono minaccioso aggrediva i suoi nipotini, che erano seduti sulla panchina e giocavano per fatti loro, e gridava loro a gran voce, perchè, a suo dire, stavano dando fastidio. Mai l'avesse fatto questa qui, a mia madre toccale tutto, ma non i nipoti, infatti immediatamente la nonna Maria va da questa e le dice: "Non si permetta di urlare così verso i miei bambini, se sta così acida oggi, era meglio che se ne rimaneva rinchiusa tra le sue mura domestiche!" Naturalmente tutti i presenti dando il loro consenso a mia madre, hanno iniziato a guardare male la tizia, che altro poteva fare che andarsene via. "Bambini giocate pure e non date retta a quella lì", ha detto la gente nell'ufficio. "Papà papà, ha detto mio figlio maggiore in serata al mio ritorno dal lavoro, la nonna oggi si è arrabbiata come Hulk".
Share

domenica 3 maggio 2009

Un santino curioso

Ricordo che quando andavo a casa di mia nonna materna, il suo comò in camera da letto era stracolmo di oggetti di vario genere, c'era la campana di vetro con all'interno la madonnina, la cornice con la foto del matrimonio dei nonni, vari vasi preziosi, ma sopratutto c'erano le pagelline dei parenti defunti e dei santini con un piccolo cero votivo perennemente acceso, fino qui nulla di strano, ma piuttosto una stranezza l'ho sempre notata in mezzo a quelle pagelline e a quei santini, ovvero il vedere in mezzo a loro la foto di un personaggio vestito di nero con dei baffoni alla vittoriana ed un cappello alla borsalino, chi era costui e perchè mia nonna lo venerava come un santo? Un giorno la domanda la posi a mia madre, quando col crescere la curiosità prese il sopravvento. Ebbene l'arcano mi fu svelato, il personaggio in questione altri non era che Matteo Renato Imbriani. Il perchè di tanta devozione era dovuta al fatto che all'inizio dello scorso secolo costui fu l'artefice della costruzione di un opera colossale ovvero dell'acquedotto pugliese, l'aver portato l'acqua in posti dove essa mancava fu a quei tempi un dono di Dio, come quando agli ebrei cadde la manna dal cielo e per questo tutti i pugliesi gli sono rimasti eternamente riconoscenti, infatti a lui hanno dedicato varie lapidi, eretto monumenti ed intitolato vie e corsi stradali.
Share

venerdì 1 maggio 2009

1° Maggio - Festa del Lavoro

Auguri a tutti i lavoratori del mondo, oggi non è una festa qualunque, ma è la festa del trionfo dell'operosità dell'uomo. Un pensiero particolare oggi va anche a coloro che sono rimasti disoccupati e a coloro che hanno perso la vita lavorando, a causa della negligenza altrui.

Riflessione: "Il lavoro allontana tre grandi mali: la noia, il vizio ed il bisogno". Voltaire

Share

domenica 26 aprile 2009

AAA cercasi angelo custode

Ma c'è? Dove è? Voi lo avete visto o sentito mai? Io l'ho sempre cercato e non si è fatto mai vivo. Ora ho proprio bisogno di lui!

Ognuno è solo con la sua vita,
come sarà con la sua morte.
Ma l'angelo dolce schiude le porte
D'un tocco delle tenere dita,
tacito entra nella prigione
dove, l'anima, sola, siede
fisso guarda e sorride lieve.
Beata è l'anima, col suo amore.

(Diego Valeri)

Share

domenica 19 aprile 2009

Il sorriso di un bambino

Il più delle volte torno a casa stanco ed incazzato a causa delle giornate affannose e ricche di stress passate al lavoro, tuttavia vi posso garantire che appena sulla soglia dell'uscio di casa scorgo i volti dei miei angioletti che mi sorridono, dimentico tutto ed avverto una sensazione di ricarica spirituale difficile da esternare e da descrivere, ma che forse altri come me possono comprendere.

Riflessione: "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini trovano il nulla nel tutto." 
G. Leopardi

Share

lunedì 13 aprile 2009

Agli abruzzesi

Dedico questa meravigliosa canzone a tutti gli abruzzesi, nella speranza che trovino la forza per poter reagire ed andare avanti nelle difficoltà che incontreranno ed affronteranno nella vita quotidiana comune.
Coraggio ragazzi siete forti e siete soprattutto tosti!
Riflessione: "Dobbiamo accettare la delusione che è limitata, ma non dobbiamo mai perdere l'infinita speranza". Martin Luter King

Share

venerdì 10 aprile 2009

Venerdì Santo

In questo giorno triste, coincidente con le esequie di stato dei nostri connazionali deceduti nel terremoto, il silenzio è più significativo di tante parole messe assieme.

Share

mercoledì 8 aprile 2009

Pro Terremotati Abruzzo

Il presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi chiede che vengano sospese le donazioni di sangue. Invece servono coperte, vestiti, pannolini, latte in polvere, casse d'acqua e tutti i beni di prima necessità. Verranno raccolti da "Fare ambiente", Roma, in Via Nazionale, 243, tel. 06 48029924. Mentre sul sito http://www.modavi.it tutte le istruzioni per far parte delle squadre di soccorso in Abruzzo.  

---------------------------------------------------------------------------------------

EMERGENZA TERREMOTO: NUMERI E LINK (DIFFONDETE IL PIU' POSSIBILE)


Per offrire disponibilità di alloggio: l’UDU sta cercando posti letto telefonare allo 06.43411763 o scrivere a organizzazione@udu.it

Per volontari da tutta Italia: telefonare alla protezione civile nazionale 06.68201

Per volontari da Pescara: telefonare al Centro operativo della Protezione Civile presso la Prefettura di Pescara 085.2057627

Per fare donazioni: Raccolta fondi Croce Rossa Italiana:
Conto corrente bancario C/C n. 218020 presso BNL - roma, intestato a CRI, codice Iban IT66 - C010 0503 3820 0000 0218020, causale: pro terremoto Abruzzo;
Conto corrente postale n. 300004 intestato a CRI causale: pro terremoto Abruzzo;
Versamenti on line sul sito: http://www.cri.it/donazioni.html

Per enti locali e associazioni di volontariato, comitati, gruppi organizzati: è possibile attivarsi da subito con i corpi locali di protezione civile, con la associazioni prendendo contatti con i coordinamenti regionali, c’è bisogno di medici, tende, coperte, cibo e supporto logistico. Per informarsi: Dipartimento della Protezione Civile 06.68201.

Share

lunedì 6 aprile 2009

Terremoto Abruzzo


Questo blog in segno di solidarietà nei confronti dei connazionali residenti in Abruzzo, colpiti dalla catastrofe del terribile terremoto che ha sconvolto l'intera regione, si dichiara in lutto ed esprime il proprio cordoglio in memoria delle vittime di questa immane tragedia italiana. 

Share

domenica 5 aprile 2009

Domenica delle Palme


Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Filippési (Fil 2,6-11)

Cristo, pur essendo di natura divina, non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini. Apparso in forma umana, umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce. Per questo Dio l’ha esaltato e gli ha dato il nome che è al di sopra di ogni altro nome; perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra;e ogni lingua proclami che Gesù Cristo è il Signore, a gloria di Dio Padre.

Riflessione: "Io di uomini me ne intendo e Gesù Cristo non era solamente un uomo". Napoleone

Share

venerdì 3 aprile 2009

Toglietemi tutto, ma non gli spaghetti!

Ho fatto un brutto sogno stanotte, non è stato un incubo, ma una privazione surreale che mi ha messo addosso un ansia atipica e singolare, ovvero quella di rimanere senza pasta. Ho sognato di fare un corso di aggiornamento in un paese straniero, fin qui tutto normale, il bello è stato dopo quando mi sono accorto che lì non esisteva la pasta e, quindi, i miei amati spaghetti, ma altri cibi da volta stomaco. Al risveglio ho chiesto tassativamente a mia moglie di mangiare per una settimana solo ed esclusivamente spaghetti. Voi riuscireste a stare senza mangiare un bel piatto di spaghetti col pomodoro e basilico? Io di certo, no.

Riflessione:"Tutto quello che vedete, lo devo agli spaghetti."  Sophia Loren

Share

mercoledì 1 aprile 2009

Pesce d'aprile


Siete stati vittima di uno scherzo oggi? Io si e, a dir il vero, mi sono divertito tantissimo. Ridere in maniera moderata e senza esagerazioni,  allieta lo spirito e fa dimenticare le paranoie che ci affliggono e ci turbano.

Share

sabato 28 marzo 2009

Problemi di cuore

Ciao cari amici, alcuni di voi mi hanno chiesto per email ed sms, il perchè della mia presenza meno assidua del solito, non vi preoccupate sono sempre qui a combattere con le fatiche quotidiane che la vita ci presenta, ora per giunta da un banale controllo sono venuto a conoscenza di avere qualche problemino al cuore, sto facendo dei controlli, spero di continuare a stare bene, anche perchè sono riuscito, con l'aiuto del buon Dio, a superare ben altre situazioni di un certo spessore.

A presto il vostro Peppe! 

Riflessione: "La salute è un'acrobazia senza rete". Roberto Gervaso

Share

sabato 21 marzo 2009

Fantasilandia


Avete mai sognato di essere ospiti a “Fantasilandia” (nome del omonimo telefilm in onda tra il 1978 ed il 1984), il luogo dove si realizzano i sogni ad opera del signor Roarke e dal suo assistente Tattoo, anche quando questi possono sembrare irrealizzabili? Io vi confesso che lo faccio ancora.

Riflessione: "La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro. Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare". Arthur Schopenhauer

Share

domenica 15 marzo 2009

Un anno con voi!!!


Oggi, cari amici internauti,  questo blog compie un anno, è inutile dire che se un blog esiste e grazie a tutti noi, popolo dei bloggers; i post che si scrivono e si leggono i commenti che si ricevono e si ricambiano, è tutto questo un meccanismo sinergico che sinceramente mi ha dato tanta passione  per continuare. Ho, innanzitutto,  l'obbligo morale di ringraziare tutti voi che non fate altro che concedermi il vostro affetto ed il vostro calore, effettivamente non ci conosciamo di persona, ma con molti di voi ho instaurato un ottimo rapporto di amicizia. GRAZIE!

Share

giovedì 12 marzo 2009

Gratta e perdi (soldi)!

Gli effetti della crisi stanno portando la gente comune all'esasperazione, tanto che si fa di tutto per cercare di guadagnare l'extra con i giochi autorizzati dallo Stato, il più gettonato di tutti di certo è il gratta e vinci, disponibile in varie taglie di giocata e facilmente reperibile. La cosa che mi ha fatto rimanere allibito e scioccato e l'aver visto proprio l'altro ieri una vecchietta di oltre settanta anni che nel giro di  qualche minuto, il tempo durante cui sono rimasto in una tabaccaio, si è giocata una 40 di euro con questi gratta e vinci e considerando la misera pensione che percepirà, sicuramente quei soldi spesi al gioco le avrebbero fatto comodo per campare, ora mi domando e dico lo Stato incassa milioni di euro al giorno sulle giocate, ma perchè non pone dei limiti alla gente che gioca in modo esagerato e spropositato? Oserei dire che questa non sarebbe una forma limitativa della libertà, ma piuttosto una forma di tutela nei confronti della persona stessa, che talvolta dopo essere arrivato al lastrico compie gesti estremi.
Riflessione: "È una regola delle buone maniere quella di evitare le esagerazioni". R. W. Emerson
Share

lunedì 9 marzo 2009

Stai attento a...


Una volta, e penso ancora oggi, tutti i nostri genitori, i nonni e le maestre di scuola ci raccomandavano di fare attenzione nell'attraversare le strade, una romanzina questa che sinceramente la sentivo dire tutte le volte dalla mia cara mammina prima di uscire di casa. L'altro giorno notavo mentre percorrevo con la mia auto le vie del mio paese la sbadataggine dei giovani di adesso (posso capire i più piccoli, ma i grandi!), ebbene li vedevo attraversare la strada senza curarsi di chi stesse sopraggiungendo verso di loro, il bello è che tale atteggiamento è ricorrente in tutti i ragazzi, ora mi domando e dico, dove sono finite le norme basilari dell'educazione stradale riguardante i pedoni?
Rilfessione: "L'educazione è il pane dell'anima". Giuseppe Mazzini
Share

mercoledì 4 marzo 2009

Meme per me!


Ho ricevuto da Andrea, che ringrazio vivamente, un MEME il quale consiste nel rispondere a 19 domande con l'iniziale del proprio nome ... ora gustatevi le mie risposte e poi alla fine troverete i prescelti per continuare questo MEME ...

1. Il tuo nome: Giuseppe
2. Una parola di quattro lettere: Gita
3. Un nome maschile: Giovanni
4. Un nome femminile: Gaia 
5. Una professione:  Ginecologo
6. Un colore:  Giallo
7. Qualcosa da indossare: Giacca
8. Un cibo: Gelato
9. Qualcosa che si trova in bagno: Gel
10. Un luogo: Giardino
11. Un motivo per essere in ritardo: Gelo
12. Qualcosa che urleresti:  Gol
13. Il titolo di un film: Gladiatore
14. Qualcosa da bere: Gin Tonic 
15. Un gruppo musicale: Genesis
16. Un animale: Giraffa
17. Il nome di una via: Garibaldi
18. Un tipo di macchina: Golf
19. Il titolo di una canzone: Gioventù (Renato Zero)

Non c'è, credo una regola fissa, circa la trasmissione di questo MEME, quindi decido autonomamente di girarlo a tutti voi che mi siete amici e che mi leggete con costanza. Ciao


Share

sabato 28 febbraio 2009

La statua vivente.

Guardando questo video, mi è raffiorato il ricordo della mia dolce cara nonnina, simpaticissima e amatissima da tutti, parenti, amici e conoscenti per il suo fare goliardico e sui generis, tipico di un'attrice comica; pensate che ancora oggi ricordano le sue battute e le sue scenette.

Riflessione: "La ragione per cui nonni e nipoti vanno così d'accordo è che hanno un nemico comune". Sam Levenson

Share

mercoledì 25 febbraio 2009

Eccolo!


A grande richiesta da parte della maggior parte di voi, che mi chiedete notizie sulla new entry, vi presento Davide il mio cucciolo che oggi a 19 giorni dalla nascita pesa kg. 4. Tutto sangue e latte!

Riflessione: "Coraggio, coraggio, i figli non sono chiodi". Padre Pio

Share

lunedì 23 febbraio 2009

Arisa - Sincerità

Forse a tutti potrà essere sembrata atipica, singolare e fuori dagli ordinari schemi questa ragazza vincitrice alle nuove proposte dell'ultima edizione del festival di Sanremo, tuttavia io l'ho apprezzata in tutto, dallo stile semplice e sobrio al grande contenuto della sua canzone, d''altronde come sempre c'è sempre qualche stupido che su youtube ha fatto dei commenti poco piacevoli nei confronti della cantante. Arisa sei bravissima continua così!
Ecco il testo della sua canzone:
Sincerità
Adesso è tutto così semplice
Con te che sei l’unico complice
Di questa storia magica
Sincerità
Un elemento imprescindibile
Per una relazione stabile
Che punti all’eternità
Adesso è un rapporto davvero
Ma siamo partiti da zero
All’inizio era poca ragione
Nel vortice della passione
E fare e rifare l’amore
Per ore, per ore, per ore
Aver poche cose da dirsi
Paura ed a volte pentirsi
Ed io coi miei sbalzi d’umore
E tu con le solite storie
Lasciarsi ogni due settimane
Bugie per non farmi soffrire
Ma a volte era meglio morire
Sincerità
Adesso è tutto così semplice
Con te che sei l’unico complice
Di questa storia magica
Sincerità
Un elemento imprescindibile
Per una relazione stabile
Che punti all’eternità
Adesso sembriamo due amici
Adesso noi siamo felici
Si litiga quello è normale
Ma poi si fa sempre l’amore
Parlando di tutto e di tutti
Facciamo duemila progetti
Tu a volte ritorni bambino
Ti stringo e ti tengo vicino
Sincerità
Scoprire tutti i lati deboli
Avere sogni come stimoli
Puntando all’eternità
Adesso tu sei mio
E ti appartengo anch’io
E mano ella mano dove andiamo si vedrà
Il sogno va da se, regina io e tu re
Di questa storia sempre a lieto fine
Sincerità
Adesso è tutto così semplice
Con te che sei l’unico complice
Di questa storia magica
Sincerità
Un elemento imprescindibile
Per una relazione stabile
Che punti all’eternità…
Riflessione "La semplicità è la forma della vera grandezza". Francesco De Sanctis
Share

domenica 22 febbraio 2009

E' Carnevale: semel in anno licet insanire.


Una volta all'anno è lecito impazzire, questa locuzione è legata ad una sorta di rito collettivo che ricorre in molte culture, soprattutto occidentali. In un ben definito periodo di ogni anno tutti sono autorizzati a non rispettare le convenzioni religiose e sociali, a comportarsi quasi come se fossero altre persone. Questa tradizione è spesso legata alla celebrazione del carnevale. Si tratta di un rito liberatorio che permette ad una comunità di prepararsi in modo gioioso all'adempimento dei propri normali doveri sociali.
Allora miei cari amici internauti divertitevi e godetevi questo momento di allegria dimenticandovi, sia pur per quanto possibile, dei problemi che vi assillano. Buon carnevale a tutti!

Share

venerdì 20 febbraio 2009

La Lettera di Oscar Wilde all'amato Bosie

Roberto Benigni durante il suo intervento al Festival di Sanremo ha recitato una lettera che Oscar Wilde inviò dal carcere al suo innamorato Alfred Douglas, concludendo ha detto:
«È una storia incredibile che va avanti da millenni. Gli omosessuali non sono fuori dal piano di Dio. Di peccati c’è solo la stupidità. Per rendere l’idea dell’assurdità e ridicolaggine, ricordo che gli omosessuali sono stati seviziati e morti nei campi di concentramento perché amavano un’altra persona. Mettiamo che un eterosessuale si innamori focosamente di una persona dell’altro sesso, e a un certo punto lo prendono, lo torturano e lo uccidono perché si è innamorato. Tanti omosessuali sono stati torturati perché amavano un’altra persona, lasciate stare il sesso. È incredibile che si parli ancora degli omosessuali così, con questa incredibile rozzezza. Sono persone che si amano, non è che per colpa loro finisce la razza, come dice qualcuno. Nella storia dell’umanità ci hanno fatto doni enormi, ed è il sentimento dell’amore che caratterizza gli omosessuali. E quando c’è l’amore tutto diventa grande. Nemmeno la fede rassicura, l’unica cosa che rassicura è l’amore».

Lunedì sera [29 aprile 1895]
Carcere di S.M., Holloway

Mio carissimo ragazzo,
questo è per assicurarti del mio amore immortale, eterno per te. Domani sarà tutto finito. Se la prigione e il disonore saranno il mio destino, pensa che il mio amore per te e questa idea, questa convinzione ancora più divina, che tu a tua volta mi ami, mi sosterranno nella mia infelicità e mi renderanno capace, spero, di sopportare il mio dolore con ogni pazienza. Poiché la speranza, anzi, la certezza, di incontrarti di nuovo in un altro mondo è la meta e l' incoraggiamento della mia vita attuale, ah! debbo continuare a vivere in questo mondo, per questa ragione. Il caro *** mi è venuto a trovare oggi. Gli ho dato parecchi messaggi per te. Mi ha detto una cosa che mi ha rassicurato: che a mia madre non mancherà mia niente. Ho sempre provveduto io al suo mantenimento, e il pensiero che avrebbe potuto soffrire delle privazioni mi rendeva infelice. Quanto a te (grazioso ragazzo dal cuore degno di un Cristo), quanto a te, ti prego, non appena avrai fatto tutto quello che puoi fare, parti per l' Italia e riconquista la tua calma, e componi quelle belle poesie che sai fare tu, con quella grazia così strana. Non esporti all' Inghilterra per nessuna ragione al mondo. Se un giorno, a Corfù o in qualche isola incantata, ci fosse una casetta dove potessimo vivere insieme, oh! la vita sarebbe più dolce di quanto sia stata mai. Il tuo amore ha ali larghe ed è forte, il tuo amore mi giunge attraverso le sbarre della mia prigione e mi conforta, il tuo amore è la luce di tutte le mie ore. Se il fato ci sarà avverso, coloro che non sanno cos'è l'amore scriveranno, lo so, che ho avuto una cattiva influenza sulla tua vita. Se ciò avverrà, tu scriverai, tu dirai a tua volta che non è vero. Il nostro amore è sempre stato bello e nobile, e se io sono stato il bersaglio di una terribile tragedia, è perchè la natura di quell' amore non è stata compresa. Nella tua lettera di stamattina tu dici una cosa che mi dà coraggio. Debbo ricordarla. Scrivi che è mio dovere verso di te e verso me stesso vivere, malgrado tutto. Credo sia vero. Ci proverò e lo farò. Voglio che tu tenga informato Mr Humphreys dei tuoi spostamenti così che quando viene mi possa dire cosa fai. Credo che gli avvocati possano vedere i detenuti con una certa frequenza. Così potrò comunicare con te. Sono così felice che tu sia partito! So cosa deve esserti costato. Per me sarebbe stato un tormento pensarti in Inghilterra mentre il tuo nome veniva fatto in tribunale. Spero tu abbia copie di tutti i miei libri. I miei sono stati tutti venduti. Tendo le mani verso di te. Oh! possa io vivere per toccare i tuoi capelli e le tue mani. Credo che il tuo amore veglierà sulla mia vita. Se dovessi morire, voglio che tu viva una vita dolce e pacifica in qualche luogo fra fiori, quadri, libri, e moltissimo lavoro. Cerca di farmi avere tue notizie. Ti scrivo questa lettera in mezzo a grandi sofferenze; la lunga giornata in tribunale mi ha spossato. Carissimo ragazzo, dolcissimo fra tutti i giovani, amatissimo e più amabile. Oh! aspettami! aspettami! io sono ora, come sempre dal giorno in cui ci siamo conosciuti, devotamente il tuo, con un amore immortale Oscar.
(dal "De Profundis")
Riflessione: "Una parola ci libera di tutto il peso e il dolore della vita: quella parola è amore". Sofocle

Share

giovedì 19 febbraio 2009

Oggi è il mio compleanno

Oggi festeggio il mio 37º compleanno, è inutile dire che il regalo l'ho già avuto qualche giorno fa con la nascita del mio terzo figlio e con il ritorno a casa di mia moglie, non mi sembra vero il tempo è veramente tiranno, questi anni sono volati in un attimo, ricordo come se fosse ieri gli anni della mia gioventù, spero con tutto il cuore di avere la possibilità di festeggiarne tanti altri con l'augurio di essere in buona salute.

Riflessione: "Non dispiacerti di ciò che non hai potuto fare, rammaricati solo di quando potevi e non hai voluto." Mao Tse-tung

Share

mercoledì 18 febbraio 2009

Parole di democrazia dall'antichità.

Qui ad Atene noi facciamo così.
Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia.
Qui ad Atene noi facciamo così.
Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.
Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.
Qui ad Atene noi facciamo così.
La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.
Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.
Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.
Qui ad Atene noi facciamo così.
Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa.
E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.
Qui ad Atene noi facciamo così.
Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benchè in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.
Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.
Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.
Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versalità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.
Qui ad Atene noi facciamo così.  (Pericle - Discorso agli Ateniesi, 461 a.C.)
Riflessione: "In democrazia nessun fatto di vita si sottrae alla politica". Gandhi

Share

lunedì 16 febbraio 2009

That's What Friends Are For

“That's What Friends Are For” tradotto
(E' Per Questo Che Ci Sono Gli Amici)
Non ho mai pensato di potermi sentire cosi
fintanto che non é capitato a me
Sono felice di avere la possibilità di dire 
che credo di volerti bene 

e se tu dovrai mai andare via 
bhe allora chiudi gli occhi e prova 
a sentire come siamo oggi 
e poi se riesci ricorda

Continua a sorridere, continua a splendere 
Sapendo che puoi sempre contare su di me, é sicuro 
E' per questo che ci sono gli amici 
Per i bei tempi e per i brutti tempi 
Sarò al tuo fianco per sempre 
E` per questo che ci sono gli amici

Bhe sei arrivata dandomi amore 
e ora vedo che c'é molto di più 
e per questo ti ringrazio 

Oh per i tempi in cui saremo separati 
Bhe chiudi gli occhi e ascolta 
le parole che arrivano dal mio cuore 
e se ci riesci.. ricorda..

Testo “That's What Friends Are For” originale

And I never thought I'd feel this way And as far as I'm concerned I'm 
glad I got the chance to say That I do believe I love you

And if I should ever go away Well then close your eyes and try To feel 
the way we do today And then if you can remember

Keep smiling, keep shining Knowing you can always count on me, for sure 
That's what friends are for For good times and bad times I'll be on your 
side forever more That's what friends are for

Well you came in loving me And now there's so much more I see And so 
by the way I thank you

Oh and then for the times when we're apart Well then close your eyes 
and know The words are coming from my heart And then if you can remember

Elton John - Dionne Warwick

Riflessione: "Non abbiamo tanto bisogno dell'aiuto degli amici, quanto della certezza del loro aiuto".  Epicuro

Share

domenica 15 febbraio 2009

Il Conte Ugolino della Gherardesca

Chi è causa del suo mal, pianga se stesso!

Sempre grida i suoi affanni l’uomo afflitto e della sua voce ne ha orecchie la montagna e il mare, ma delle sue colpe ne ha la certezza il cuore.

Share

sabato 14 febbraio 2009

A tutti gli innamorati.

Auguro a tutti gli innamorati un buon San Valentino, nella speranza che tutti possano vedere concretizzati ardentemente i propri desideri più sentiti. Possa l'amore far pulsare i vostri cuori rendendo eterna ed intramontabile la vostra storia e soprattutto con questo post porgo gli auguri più sinceri alla mia cara mogliettina che mi ha donato tre gioielli stupendi, i nostri figli.

Riflessione: "Perduto è tutto il tempo che in amor non si spende". Torquato Tasso

Share

venerdì 13 febbraio 2009

Essere o non essere...


Essere o non essere, questo è il problema: se sia più nobile d'animo sopportare gli oltraggi, i sassi e i dardi dell'iniqua fortuna, o prender l'armi contro un mare di triboli e combattendo disperderli. Morire, dormire, nulla di più, e con un sonno dirsi che poniamo fine al cordoglio e alle infinite miserie naturale retaggio della carne, è soluzione da accogliere a mani giunte. 
Morire, dormire, sognare forse: ma qui é l'ostacolo, quali sogni possano assalirci in quel sonno di morte quando siamo già sdipanati dal groviglio mortale, ci trattiene: é la remora questa che di tanto prolunga la vita ai nostri tormenti. 
Chi vorrebbe, se no, sopportar le frustate e gli insulti del tempo, le angherie del tiranno, il disprezzo dell'uomo borioso, le angosce del respinto amore, gli indugi della legge, la tracotanza dei grandi, i calci in faccia che il merito paziente riceve dai mediocri, quando di mano propria potrebbe saldare il suo conto con due dita di pugnale? Chi vorrebbe caricarsi di grossi fardelli imprecando e sudando sotto il peso di tutta una vita stracca, se non fosse il timore di qualche cosa, dopo la morte, la terra inesplorata donde mai non tornò alcun viaggiatore, a sgomentare la nostra volontà e a persuaderci di sopportare i nostri mali piuttosto che correre in cerca d'altri che non conosciamo? Così ci fa vigliacchi la coscienza; così l'incarnato naturale della determinazione si scolora al cospetto del pallido pensiero. E così imprese di grande importanza e rilievo sono distratte dal loro naturale corso: e dell'azione perdono anche il nome...

Share

sabato 7 febbraio 2009

Finalmente è nato!



Ho la grande gioia di annunciare a tutti voi, rendendovene partecipi, la nascita del mio terzo figlio, di nome Davide, avvenuta ieri 6 febbraio 2009 alle ore 17,36. E' inutile dirvi che l'attesa è stata lunga e penosa, atteso il lungo periodo di degenza ospedaliera di mia moglie; la nascita era stata programmata per il prossimo 11 febbraio, tuttavia a causa di una emorragia per distacco della placenta è stato disposto un cesareo d'urgenza, a seguito del quale la mia Mary è stata sottoposta anche a trasfusione di sangue e di plasma, il tutto però è andato secondo i piani del cielo e quindi alla grande.

Share

giovedì 5 febbraio 2009

Gli spermatozoi

... gli spermatozoi, l'unica forza tutto ciò che hai...

Share

lunedì 2 febbraio 2009

Operazione Valkiria

Uscito negli Stati Uniti col titolo “Valkyrie”, il nuovo film di Bryan Singer è stato distribuito in Italia col titolo “Operazione Valkiria”, una pellicola a ridosso fra il film storico, il thriller e il film drammatico. Attori impegnati in questo progetto nomi molto famosi quali il bravissimo Kenneth Branagh, Tom Cruise e Eddie Izzard. Ispirato a personaggi e fatti veri, il film racconta le avventure del Colonnello Claus von Staufferberg e del suo desiderio di eliminare Hitler. Appena tornato dalla campagna d'Africa, il colonello e aristocratico Claus Schenk von Stauffenberg ritorna in Germania, dopo essere stato gravemente ferito. Il 20 luglio 1944 assieme a dei complici nell'esercito organizza un attentato per uccidere il Leader Nazista Adolf Hitler. All'omicidio sarebbe seguita la presa del potere a Berlino, sfruttando il piano denominato Operazione Valchiria (Operation Walküre), in origine destinato a contrastare un'eventuale invasione alleata dalla Normandia che pure Hitler è certo non avverrà e ne da conferma pronunciandosi sicuro dell'infondatezza della reale possibilità di quest'ultima difronte ai suoi massimi confidenti con lui riuniti a Rastenburg. La dislocazione delle forze riserviste prevista dal piano viene dirottata all'assunzione del controllo dei centri di potere della capitale. Von Stauffenberg assumerà un ruolo centrale nel piano: sarà proprio lui a dover portare avanti il colpo di stato e a farsi carico della responsabilità materiale di collocare l'ordigno esplosivo destinato all'uccisione del Fuhrer.
Riflessione: "La prossima guerra mondiale sarà combattuta con le pietre". Albert Einstein

Share

domenica 1 febbraio 2009

Parcheggi bizzarri.

Guardate questo video e abbiatene memoria la prossima volta che dovrete parcheggiare la vostra autovettura, spero, comunque, abbiate districhezza nella guida. Ciao.

Share

mercoledì 28 gennaio 2009

Salah

Avete visto Zelig la scorsa settimana? C'è questo nuovo artista di nome Salah, di origine francese, che fa cose esorbitanti, è un uomo snodato in tutti i sensi, spulciando qua e là su youtube ho scoperto che le sue performance sono già note in tutto il mondo, tra l'altro balla la breakdance che è un capolavoro.

Riflessione: "Un artista, nel suo intimo, è sempre un avventuriero". Thomas Mann

Share

venerdì 23 gennaio 2009

"Le cose che ho imparato nella vita"


Ecco alcune delle cose che ho imparato nella vita: 
-Che non importa quanto sia buona una persona, ogni tanto ti ferirà. E per questo, bisognerà che tu la perdoni. 
-Che ci vogliono anni per costruire la fiducia e solo pochi secondi per distruggerla. 
-Che non dobbiamo cambiare amici, se comprendiamo che gli amici cambiano. 
-Che le circostanze e l'ambiente hanno influenza su di noi, ma noi siamo responsabili di noi stessi. 
-Che, o sarai tu a controllare i tuoi atti,o essi controlleranno te. 
-Ho imparato che gli eroi sono persone che hanno fatto ciò che era necessario fare, affrontandone le conseguenze. 
-Che la pazienza richiede molta pratica. 
-Che ci sono persone che ci amano, ma che semplicemente non sanno come dimostrarlo. 
-Che a volte, la persona che tu pensi ti sferrerà il colpo mortale quando cadrai, è invece una di quelle poche che ti aiuteranno a rialzarti. 
-Che solo perché qualcuno non ti ama come tu vorresti, non significa che non ti ami con tutto se stesso. 
-Che non si deve mai dire a un bambino che i sogni sono sciocchezze: sarebbe una tragedia se lo credesse. 
-Che non sempre è sufficiente essere perdonato da qualcuno. Nella maggior parte dei casi sei tu a dover perdonare te stesso. 
-Che non importa in quanti pezzi il tuo cuore si è spezzato; il mondo non si ferma, aspettando che tu lo ripari. 
-Forse Dio vuole che incontriamo un po' di gente sbagliata prima di incontrare quella giusta, così quando finalmente la incontriamo, sapremo come essere riconoscenti per quel regalo. 
-Quando la porta della felicità si chiude, un'altra si apre, ma tante volte guardiamo così a lungo a quella chiusa, che non vediamo quella che è stata aperta per noi. 
-La miglior specie d'amico è quel tipo con cui puoi stare seduto in un portico e camminarci insieme, senza dire una parola, e quando vai via senti che è come se fosse stata la miglior conversazione mai avuta. 
-È vero che non conosciamo ciò che abbiamo prima di perderlo, ma è anche vero che non sappiamo ciò che ci è mancato prima che arrivi. 
-Ci vuole solo un minuto per offendere qualcuno, un'ora per piacergli, e un giorno per amarlo, ma ci vuole una vita per dimenticarlo. 
-Non cercare le apparenze, possono ingannare. 
-Non cercare la salute, anche quella può affievolirsi. 
-Cerca qualcuno che ti faccia sorridere perché ci vuole solo un sorriso per far sembrare brillante una giornataccia. 
-Trova quello che fa sorridere il tuo cuore. 
-Ci sono momenti nella vita in cui qualcuno ti manca così tanto che vorresti proprio tirarlo fuori dai tuoi sogni per abbracciarlo davvero! 
-Sogna ciò che ti va; vai dove vuoi; sii ciò che vuoi essere, perché hai solo una vita e una possibilità di fare le cose che vuoi fare. 
-Puoi avere abbastanza felicità da renderti dolce, difficoltà a sufficienza da renderti forte, dolore abbastanza da renderti umano, speranza sufficiente a renderti felice. 
-Mettiti sempre nei panni degli altri. Se ti senti stretto, probabilmente anche loro si sentono così. 
-Le più felici delle persone, non necessariamente hanno il meglio di ogni cosa; soltanto traggono il meglio da ogni cosa che capita sul loro cammino. 
-L'amore comincia con un sorriso, cresce con un bacio e finisce con un the. 
-Il miglior futuro è basato sul passato dimenticato, non puoi andare bene nella vita prima di lasciare andare i tuoi fallimenti passati e tuoi dolori. 
-Quando sei nato, stavi piangendo e tutti intorno a te sorridevano. Vivi la tua vita in modo che quando morirai, tu sia l'unico che sorride e ognuno intorno a te piange.  (Paulo Coelho) 

Share

lunedì 19 gennaio 2009

Placenta previa

Impara l'arte e mettila da parte, diceva un vecchio proverbio, nel senso che tutto si impara nel corso della vita. Vi ho già accennato di mia moglie, ricoverata in ospedale, alla 34ª settimana gestazionale, per problemi seri, dopo la diagnosi oggi ho voluto approfondire meglio il caso de quo e, non per annoiarvi, ma per tenervi informati, ho pensato di parlare di questo problema in cui, talvolta, alcune donne in gravidanza possono incorrere, sto parlando della placenta previa.

Riflessione: "Essere sempre tra i primi a sapere, ecco ciò che conta"  E. Montale
Share

giovedì 15 gennaio 2009

Tristezza

Sono molto triste, mi sento vuoto e perso, non trovo il perchè a questo, ho bisogno di ricaricarmi, è una brutta sensazione che non sopporto, aiutatemi con le vostre parole a darmi il la, Peppe ha bisogno di voi!

Riflessione"Succeda quel che succeda, i giorni brutti passano esattamente come tutti gli altri". W. Shakespeare

Share

venerdì 9 gennaio 2009

La vicina rompiscatole.

Avete visto in TV l'ultimo spot della conad? C'è, appunto, una signora che dal muro di confine con l'appartamento accanto, chiede alla coinquilina qualcosa che le manca in cucina, alla risposta affermativa da parte della vicina, la medesima bussa alla porta e si ritrova, come d'incanto, all'interno di un supermercato. Ebbene la mia vicina di casa (ne ho solo una nello stesso pianerottolo) si comporta in maniera analoga, ha preso casa mia per un supermercato, infatti bussa sempre alla porta, chiedendo a mia moglie qualcosa, le richieste vanno dal latte alle uova, dalla pasta ai pomodori, dalla cipolla alle carote e così via, insomma cerca di tutto e di più. Ma porca miseria, dico io, ma questa qui dovrebbe immagazzinare maggiore quantità di fosforo, visto che si dimentica sempre di comprare l'essenziale, il bello è che te la ritrovi dietro alla porta a bussare magari nei momenti meno opportuni. Con tutta sincerità io sono abituato a non chiedere niente a nessuno e se mi dovesse capitare di avere un ammanco, mi arrangio. La mia vicina, che, tutto sommato, è una brava persona, pecca proprio in questo: rompe le scatole. 
Riflessione: "Talvolta la vicina è come una suocera." Peppe
Share